Libri pubblicati

Libro autoconclusivo: Oltre la tempesta

Allison e Brandon non potrebbero essere più diversi tra loro. Ally è una modella ricca e viziata di Milano. Ama gli abiti d’alta moda, i party sfrenati e tutto ciò che è fashion. È cresciuta nella convinzione di essere bella e ammirata da tutti. Bran è un ranger del Gator Park, nelle Everglades. Odia socializzare con le persone. L’unico amico che ha è Franky, il suo coccodrillo e, per qualche motivo, da anni si rifiuta di tornare in città. Vive da solo nella sua casa modesta accanto al parco e non ci pensa nemmeno alle relazioni sentimentali. Due persone che non hanno nulla in comune. Due persone che vivono a quasi cinquemila miglia di distanza. Due persone che però, per una serie di circostanze impreviste, finiscono col trascorrere molto tempo insieme. Wyatt, il padre di Allison, ha un piano in mente per la figlia: vuole allontanarla dal suo mondo di sfarzi per far sì che torni la dolce bambina di un tempo. Per riuscire nell’impresa chiede al fratello Carl di ospitarla le prime tre settimane di dicembre a casa sua, in Florida. Carl guida gli airboat al Gator Park e, per mettere in riga la nipote snob, la affianca a Bran per svolgere mansioni umili e stancanti. Inizia così l’insolita vacanza invernale di Ally: non tra le luci scintillanti di Ocean Drive, a Miami Beach, bensì in mezzo alla palude delle Everglades, tra alligatori e serpenti velenosi. Al posto dello Chanel si deve spruzzare lo spray antizanzare, e al posto di vestiti d’alta sartoria è costretta a indossare shorts e scarponcini. Ma se il primo incontro tra Brandon e Allison non promette nulla di buono, col tempo i due imparano a conoscersi e a mettere in discussione le loro convinzioni. Purtroppo, però, proprio quando le cose sembrano andare per il meglio, il passato di Brandon torna con forza nel suo presente. Come una tempesta tropicale. Una tempesta che rischia di spazzare via ogni cosa, anche la relazione tra Ally e Bran…

Genere: romance

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Libro autoconclusivo: Frozen in love

Dopo la morte improvvisa della madre, Jasmine deve lasciare l’Egitto per tornare in Canada, dove vive suo padre, che non vede da quando era bambina. Appena arriva a Wentimon trova una realtà difficile da affrontare: i nonni non vogliono vederla, le compagne di classe della Holland School la trattano male e si sente persa, esclusa, discriminata solo per il colore della sua pelle. Senza contare che ha un carattere difficile: è impulsiva e dice tutto quello che pensa. Solo una cosa sembra ridarle la voglia di sorridere: pattinare sul ghiaccio. Ed è proprio sulla pista di pattinaggio che conosce Kevin, un ragazzo dal fascino misterioso che non sembra essere di Wentimon. Dal primo istante in cui sfrecciano insieme sul ghiaccio, tra i due nasce qualcosa di importante. Ma chi è Kevin? Quando le rivela la sua identità, Jasmine deve fare una scelta che potrebbe cambiarle la vita per sempre.

Genere: sport romance/young adult

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Libro autoconclusivo: Tre amiche a New York

Artemisia, Gaia e Mara sono amiche da tutta la vita. Molto diverse nel carattere e nell’aspetto, hanno in comune una cosa: voler realizzare i propri obiettivi. Misa vuole diventare scrittrice, Gaia avvocato e Mara insegnante. Purtroppo, però, una volta finiti gli studi, scoprono che in un’Italia con poche possibilità per i giovani, difficilmente vedranno realizzati i loro sogni. Tirocini su tirocini, raccomandati che trovano lavoro senza meritarlo e una vita da precarie. È questa la dura realtà che scoprono di dover affrontare ogni giorno. Ecco perché, quando Tony, il cugino ex metallaro di Misa, le propone di aiutarlo a gestire il suo negozio di cupcake a Manhattan, lei decide di accettare. Ma a una sola condizione: che anche le sue migliori amiche si uniscano a lei in questa grande avventura. Una nuova vita le attende. Una vita senza pause nella città che non dorme mai. Orari di lavoro assurdi, feste a ogni ora, locali glamour e incontri molto interessanti…

Quel secondo incontro era quanto di meno romantico ci si potesse aspettare. Ma dopotutto, non volevo romanticismo, né un fidanzato. Quel ragazzo non mi piaceva per nulla. Troppo spavaldo e con la faccia da schiaffi. Senza contare che era già la seconda volta che era riuscito a tirare fuori un lato di me che non sapevo nemmeno di avere.
«Allora? Pronta per il tour più emozionante della tua vita?», domandò lui ammiccando.
Sì. Era davvero spocchioso e insopportabile.

Genere: romance/chick lit

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Libro autoconclusivo:  Il telefono dell’aldilà

La famiglia Pittaverso si trasferisce a Genova, città natale del padre di Michele. Vanno a vivere al Garbo, sulle alture del ponente genovese, nella casa appartenuta al bisnonno Baciccia. All’inizio Michele non vuole affrontare il trasloco. È un ragazzino timido di tredici anni, evitato dai suoi compagni perché è fissato con i fumetti, i libri fantasy e le action figure. Trasferirsi a metà anno non è facile per lui. Già dal primo giorno viene preso di mira dai tre bulli della scuola: Mimmo, Cristiano e Claudio. Lo prendono in giro dicendogli che non è abbastanza coraggioso per vivere nella “casa del telefono”. Lodovica, la ragazza più carina della classe, decide di diventare sua amica e di rivelargli la leggenda che aleggia sulla casa dove si è traferito. La leggenda narra che, da qualche parte, in una stanza mai trovata dai pochi che si sono avventurati nella casa, a volte squilli un telefono. Si dice che venga usato dalle anime dell’aldilà per comunicare con i vivi. Anime che hanno ancora qualcosa in sospeso e che hanno bisogno dei vivi per risolvere ciò che è rimasto incompiuto per completare il trapasso. Se chi riceve la chiamata ignora il telefono e lo lascia squillare, rischia di prendere il posto egli stesso dell’anima che chiede aiuto…

Genere: giallo/horror Fascia d’età: 9+